LoginIscrivitiSegnala uno Spettacolo • Anno 8 - Numero 16  
Guarda le repliche di questo spettacolo!
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
LA BISBETICA DOMATA
La bisbetica domata

VOTO DEGLI UTENTI

Media voti: 4

I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: William Shakespeare
Regia: Matteo Tarasco
Genere: commedia
Compagnia/Produzione: Compagnia Lavia
Cast: Tullio Solenghi, Francesco Bonomo, Marco Cavicchioli, Giancarlo Condè, Roberto Alinghieri, Luca Fagioli,Alfredo Angelici, Gianluca Musiu, Fabio Amoroso, Rodolfo Medina, Massimiliano Loizzi, Alfredo Iacopini

Descrizione
Una delle commedie più famose e divertenti di William Shakespeare messa in scena, come vuole la tradizione elisabettiana, con una numerosa Compagnia tutta al maschile tra cui spicca il nome di Tullio Solenghi.

Sì perché Shakespeare scrisse La bisbetica domata per una compagnia di soli uomini, gli "Uomini di Lord Prembroke”, nella quale egli stesso recitava: erano i primi anni novanta del ‘500, ovvero l’inizio della sua carriera.

Il titolo originale inglese, The taming of the shrew, indica che il protagonista della storia non è la bisbetica Caterina, bensì Petrucchio, che non domina in Caterina soltanto una donna bisbetica, ma tiene sotto controllo anche il “femminile”, quell’istanza intima e spesso devastante, che anima l’essere umano a prescindere dal genere sessuale.

La storia che Shakespeare ci racconta non è dunque soltanto un duello tra un uomo e una donna, ma è la messa in scena dell’eterno conflitto tra maschile e femminile, i due archetipi base della vita.
Date repliche a cura di
La Redazione
Scheda spettacolo a cura di
La Redazione

LA LOCATION

VERDI
v. Politeama - Sassari (SS)
Tel: 079 239479


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 18/12/2006 al: 19/12/2006)

LE RECENSIONI


La recensione di Fabienne Agliardi

La storia è arcinota. Petruccio, avventuriero veronese, annusa la ricca dote di Caterina, figlia primogenita di Battista Minola, bisbetica doc al contrario della sorella Bianca,che è bella, gentile e piena di corteggiatori. Dopo varie resistenze, Caterina cede al matrimonio d'interesse e inizia a essere soggiogata dal marito: viene sottoposta a umilianti privazioni fino a che, piano piano, i maltrattamenti l'ammansiscono e la domano. Petruccio deride spesso Caterina, anche con frasi volgari, ma è questo il suo scopo: fingersi ciò che non è, ossia anch'egli un bisbetico. Caterina stessa è un personaggio ambivalente e finge di essere una bisbetica per preservarsi; fa la villana sputasentenze durante il corteggiamento, risultando comica, mentre da sposata è talmente umiliata da fare quasi pena. La messinscena del regista Matteo Marasco è molto rigorosa e aderente al testo originale, per cui la trama non è stravolta ma ha bensì una valenza ancora più moderna, nel rispetto della produzione shakesperiana, tutta di sempre straordinaria attualità. La commedia, peraltro, è una tra le più lineari del drammaturgo inglese, scritta nel 1594 per la compagnia dei Lord Pembroke's Men, nella quale egli stesso recitava agli inizi della carriera. Ai tempi, le compagnie teatrali erano composte solo da uomini e dunque i ruoli femminili erano interpretati dai maschi (ve lo ricordate il film Oscar "Shakespeare in Love"?). Stessa scelta da parte di Marasco e della Compagnia Lavia: tutti uomini, nemmeno la costumista è donna. Diamo merito, a ogni modo, ad Andrea Viotti, il costumista, il quale ha saputo realizzare un patchwork al contempo sgargiante ed elegante, vivace e compunto. Il tono del play è giocoso e ilare, anche se non mancano spunti di riflessione e di pessimismo, soprattutto nella seconda parte, come nella miglior tradizione delle commedie del Bardo. Basilare è l'alternanza tra il registro comico e quello drammatico, in cui si vola da frecciatine, sottintesi, battute al veleno a silenzi disarmanti e scene fredde e cupe. Qui Marasco dimostra di avere perfettamente in mano le redini del play: orchestra il tutto con grande puntualità e con sagacia, non sprecando nulla nè in tempi, nè in contenuti. Nel secondo atto, quando il pubblico è riportato sul binario della riflessione, si capisce quanto la storia di Caterina sia drammatica: subisce prima, da bisbetica, e subisce anche dopo, da domata, pagando l'amaro prezzo di un'educazione e di una società ingiusta. No ai matrimoni combinati, pare dire il maschilista Shakespeare, dove l'amore non conta e la donna che ti sposi, seppur remissiva, comunque non ti ama davvero. Frame dall'eccezionale impatto sono le luci, a opera di Pietro Sperduti: accompagnano gli attori in ogni angolo, in ogni risata, in ogni silenzio; accendono e spengono le emozioni di chi sta in sala, al buio, come se fosse parte del palco. Protagonista è Tullio Solenghi, indimenticabile nel Trio con Massimo Lopez e Anna Marchesini, il quale dà vita a un Petruccio tradizionale, a sua volta bisbetico, in lotta con Caterina e con se stesso. Sembra che Solenghi dia a Petruccio dei tratti più da "sgamato", tra il cerebrale e il misterioso: merito anche di quella voce cupa e burbera che ha prestato con successo al leone cattivo Scar nel cartone "Il Re Leone". Bravo Solenghi, bravo anche per essere riuscito con saggezza a tenere il pugno la fama (raggiunta tardi, dopo 15 anni di gavetta), senza bramarla e senza bruciarla. Menzione d'onore a tutti gli altri personaggi, che meritano di essere citati ad uno ad uno: Francesco Bonomo, Roberto Alighieri, Giancarlo Condè, Luca Fagioli, Alessandro Guandalini, Alfredo Iacopini, Massimiliano Loizzi, Rodolfo Medina, Gianluca Musiu e Salvatore Rancatore. Tutti insieme, i Lord Lavia's Men, sono un essenziale contorno al successo di questo allestimento. Milano, Teatro Carcano, fino al 15 ottobre
Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Fabienne Agliardi

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

SEGUICI

SPECIALE TURISMO

Check In

LA NEWSLETTER

 



IL CARTELLONE


IN SCENA

Abruzzo
Aquila - AQ Chieti - CH
Pescara - PE Teramo - TE
Basilicata
Matera - MT Potenza - PZ
Calabria
Catanzaro - CZ Cosenza - CZ
Crotone - KR Reggio C. - RC
Vibo Valentia - VV
Campania
Avellino - AV Benevento - BN
Caserta - CE Napoli - NA
Salerno - SA
Emilia Romagna
Bologna - BO Cesena - FC
Ferrara - FE Forlì - FC
Modena - MO Parma - PR
Piacenza - PC Ravenna - RA
Reggio E. - RE Rimini - RN
Friuli Venezia Giulia
Gorizia - GO Pordenone-PN
Trieste - TS Udine - UD
Lazio
Frosinone - FR Latina - LT
Rieti - RI Roma - RM
Viterbo - VT
Liguria
Genova - GE Imperia - IM
La Spezia - SP Savona - SV
Lombardia
Bergamo - BG Brescia - BS
Como - CO Cremona - CR
Lecco - LC Lodi - LO
Mantova - MN Milano - MI
Monza - MB Pavia - PV
Sondrio - SO Varese VA
Marche
Ancona - AN Ascoli - AP
Macerata - MC Pesaro - PU
Urbino - PU
Molise
Campobasso-CB Isernia - IS
Piemonte
Alessandria - AL Asti - AT
Biella - BI Cuneo - CN
Novara - NO Torino - TO
Verbania - VB Vercelli - VC
Puglia
Andria - BAT/BT Bari - BA
Barletta - BAT/BT Brindisi - BR
Foggia - FG Lecce - LC
Taranto - TA Trani - BAT/BT
Sardegna
Carbonia - CI Cagliari - CA
Iglesias - CI Nuoro - NU
Oristano - OR Sassari - SS
Sicilia
Agrigento - AG Caltanissetta-CL
Catania - CT Enna - EN
Messina - ME Palermo - PA
Ragusa - RG Siracusa - SR
Trapani - TP
Toscana
Arezzo - AR Carrara - MS
Firenze - FI Grosseto - GR
Livorno - LI Lucca - LU
Massa - MS Pisa - PI
Pistoia - PT Prato - PO
Siena - SI
Trentino Alto Adige
Bolzano - BZ Trento - TN
Umbria
Perugia - PG Terni - TR
Valle D'Aosta
Aosta - AO
Veneto
Belluno - BL Padova - PD
Rovigo - RO Treviso - TV
Venezia - VE Verona - VR
Vicenza - VC
ESTERO
Croazia Francia
San Marino Svizzera
HOME    Login    Chi siamo    I Redattori    Dalla Redazione    Dicono di Noi    Privacy    Contattaci    Preferiti    Imposta come Homepage - © 2003-2014 Teatro.Org
Testata giornalistica registrata al ROC il 30 agosto 2006 - n. 14662 e presso il Tribunale di Milano il 30 maggio 2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled