LoginIscrivitiSegnala uno Spettacolo • Anno 8 - Numero 16  
Guarda le repliche di questo spettacolo!
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE - PER CORPI E OMBRE

I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: da Félix Mendelssohn-Bartholdy
Regia: Fabrizio Montecchi
Genere: teatro per ragazzi
Compagnia/Produzione: Fondazione Teatro Comunale di Modena/Fondazione Teatri di Piacenza/Imperfect Dancers

Date repliche a cura di
Antonio Santoro Compagnia The Misfits - Gli Spostati / Associazione Elsinore
Scheda spettacolo a cura di
Antonio Santoro Compagnia The Misfits - Gli Spostati / Associazione Elsinore

LA LOCATION

GIUSEPPE BORGATTI
v. Campagnoli 9 - Cento (FE)
Tel: 051 6858911
Email: stampa@teatroborgatti.it Sito Web: www.teatroborgatti.it


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 20/04/2012 al: 20/04/2012)

LE RECENSIONI


La recensione di Angelo Callipo

Un sogno quasi cinematografico

Gli spettatori si accomodano in sala, mentre sulla scena cinque ballerini si attardano nei loro esercizi di riscaldamento, gettando distrattamente un occhio al pubblico che va riempiendo platea e loggioni.


Il Sogno di una notte di mezza estate del Teatro Gioco Vita comincia cosi’, come una performance degli anni ’70, come se sul palco, ad accogliere il pubblico, ci fosse ancora Julian Beck e il suo Living. Invece no, non è una performance da teatro rivolta, questa, anzi qualcosa di esattamente opposto allo svelamento dei meccanismi scenici e alle prerogative di un teatro a vista cosi’ in voga nella ricerca teatrale di quegli anni.


Questo Sogno è un’opera, come recita il sottotitolo, per luci ed ombre e come tale rapisce lo spettatore e lo deposita nel bosco che Puck si diverte a incantare e irretire nella sua magia, nulla viene svelato, le strane e fantastiche creature che popolano la scena sono il frutto delle sapienti invenzioni e della maestria di Nicoletta Garioni e Federica Ferrari, le sagome e le maschere, colpite, rifratte e scomposte dal disegno luci di Cesare Lavezzoli diventano una giostra di colori e forme, di profondità e profili cangianti che dilatano lo spazio, lo sezionano e infine lo moltiplicano accentuando il gioco illusorio. Dunque, lo spettatore si lascia immergere in questa magnifica illusione e neanche per un istante ha la tentazione di sfondare la quarta parete per vedere cosa si celi dietro ciò che vediamo. C’è una dimensione quasi cinematografica in questa estasi illusoria, una dimensione da cinematografia primordiale, quella dei superotto casalinghi, per intenderci, con la pellicola che sbatte sul proiettore e accompagna la visione con il suo caratteristico rumore, quella da cinema Paradiso, per non lesinare esempi, quando appunto il cinema poteva essere un sogno, magari sbavato e rumoroso, e non l'esito di una nitida e fredda perfezione fotografica che ha sacrificato la luce e, per l'appunto, le ombre.


Di che cos’altro infatti sono impastati i sogni? La domanda shekeasperiana per eccellenza, quella che investe anche l’uomo, ombra egli stesso di un sogno come recita Pindaro nel suo famosissimo verso, trova in questa messa in scena, se non una risposta, quanto meno comprensione: vivere appieno un sogno significa navigare nella luce in attesa che le ombre ci facciano compagnia con la loro vana inconsistenza, inseguire quello che appare ma che non è, giocare infine a rimpiattino con se stessi e gli altri scomponendosi e ricomponendosi in mille modi, per poi scoprire che essenza del sogno stesso è non stringere nulla di eterno nel palmo della propria mano.


Ecco perché la scelta, in ogni senso condivisibile, di spogliare il testo del bardo di Standford dalle storie di Teseo e Ippolita, lasciando a Puck il solo compito di seguire l’amore delle due coppie, Ermia e Lisandro, Demetrio e Elena, risulta vincente e funzionale all’idea tanto della regia di Fabrizio Montecchi, che firma anche le scene, quanto della coreografia di Walter Matteini. L’amore è l’essenza stessa del sogno, monopolizza ogni nostra illusione vitale, ogni progettualità ed ecco allora che in scena le vicende amorose delle due coppie, che si separano e si mescolano fino a tornare nella loro originaria composizione, sono fulcro della storia, ma anche del sogno stesso.


Ina Broeckx, Maria Focaraccio, Valerio Iurato, Walter Matteini e Armando Rossi amplificano e riducono la loro fisicità, i corpi si sciolgono nell'ombratile presenza degli spiriti del bosco e le ombre ritrovano poi consistenza riemergendo nelle forme della realtà corporea, con movimenti a tratti nervosi e pieni, a tratti invece sinuosi e certamente più astratti. Il gioco tra uomini e ombre si dipana per tutto lo spettacolo, senza mai concedere attimi di tregua, mentre la partitura sonora di Félix Mendelssohn-Bartholdy offre ulteriori punti di accesso al bosco magico e alle illusioni messe in pratica da Puck.

Ne risulta uno spettacolo equilibrato, intenso e accattivante, fino a quando quella magia, che ha costretto cinque semplici ballerini in tuta da lavoro a trasformarsi nei personaggi del Sogno, si dissolve restituendo allo spettatore una dimensione dove la realtà è padrona assoluta e il sogno bisogna raccattarselo alla stregua di poveri mendicanti.

Visto il 24/01/2014 a Venezia (VE) Teatro: Carlo Goldoni

Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Angelo Callipo

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

SEGUICI

SPECIALE TURISMO

Check In

LA NEWSLETTER

 



IL CARTELLONE


IN SCENA

Abruzzo
Aquila - AQ Chieti - CH
Pescara - PE Teramo - TE
Basilicata
Matera - MT Potenza - PZ
Calabria
Catanzaro - CZ Cosenza - CZ
Crotone - KR Reggio C. - RC
Vibo Valentia - VV
Campania
Avellino - AV Benevento - BN
Caserta - CE Napoli - NA
Salerno - SA
Emilia Romagna
Bologna - BO Cesena - FC
Ferrara - FE Forlì - FC
Modena - MO Parma - PR
Piacenza - PC Ravenna - RA
Reggio E. - RE Rimini - RN
Friuli Venezia Giulia
Gorizia - GO Pordenone-PN
Trieste - TS Udine - UD
Lazio
Frosinone - FR Latina - LT
Rieti - RI Roma - RM
Viterbo - VT
Liguria
Genova - GE Imperia - IM
La Spezia - SP Savona - SV
Lombardia
Bergamo - BG Brescia - BS
Como - CO Cremona - CR
Lecco - LC Lodi - LO
Mantova - MN Milano - MI
Monza - MB Pavia - PV
Sondrio - SO Varese VA
Marche
Ancona - AN Ascoli - AP
Macerata - MC Pesaro - PU
Urbino - PU
Molise
Campobasso-CB Isernia - IS
Piemonte
Alessandria - AL Asti - AT
Biella - BI Cuneo - CN
Novara - NO Torino - TO
Verbania - VB Vercelli - VC
Puglia
Andria - BAT/BT Bari - BA
Barletta - BAT/BT Brindisi - BR
Foggia - FG Lecce - LC
Taranto - TA Trani - BAT/BT
Sardegna
Carbonia - CI Cagliari - CA
Iglesias - CI Nuoro - NU
Oristano - OR Sassari - SS
Sicilia
Agrigento - AG Caltanissetta-CL
Catania - CT Enna - EN
Messina - ME Palermo - PA
Ragusa - RG Siracusa - SR
Trapani - TP
Toscana
Arezzo - AR Carrara - MS
Firenze - FI Grosseto - GR
Livorno - LI Lucca - LU
Massa - MS Pisa - PI
Pistoia - PT Prato - PO
Siena - SI
Trentino Alto Adige
Bolzano - BZ Trento - TN
Umbria
Perugia - PG Terni - TR
Valle D'Aosta
Aosta - AO
Veneto
Belluno - BL Padova - PD
Rovigo - RO Treviso - TV
Venezia - VE Verona - VR
Vicenza - VC
ESTERO
Croazia Francia
San Marino Svizzera
HOME    Login    Chi siamo    I Redattori    Dalla Redazione    Dicono di Noi    Privacy    Contattaci    Preferiti    Imposta come Homepage - © 2003-2014 Teatro.Org
Testata giornalistica registrata al ROC il 30 agosto 2006 - n. 14662 e presso il Tribunale di Milano il 30 maggio 2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled