LoginIscrivitiSegnala uno Spettacolo • Anno 8 - Numero 17  
Guarda le repliche di questo spettacolo!
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
OTTO DONNE E UN MISTERO
Otto donne e un mistero

VOTO DEGLI UTENTI

Media voti: 5

I Commenti

I Commenti degli Utenti

Una commedia divertente, che, pur non essendo una commedia degli equivoci, risente con evidenza di una scrittura di scuola francese. La recitazione ...

COMMENTA LO SPETTACOLO

LO SPETTACOLO

Autore: Robert Thomas
Regia: Terry D'Alfonso
Genere: commedia
Compagnia/Produzione: Il Globo
Cast: Caterina Costantini, Sandra Milo

Date repliche a cura di
La Redazione
Scheda spettacolo a cura di
La Redazione

LA LOCATION

GIORDANO COMUNALE
p.zza C. Battisti 21 - Foggia (FG)
Tel: 0881 773883


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 17/02/2007 al: 18/02/2007)

Galleria immagini (clicca sull'immagine per ingrandire)
Premi qui per ingrandire

LE RECENSIONI


La recensione di Elisabetta Colla

8 DONNE E UN MISTERO

Non è un caso che Huit Femmes, titolo originale della pièce teatrale Otto donne e un mistero, del drammaturgo francese Robert Thomas, portata in scena con successo al Teatro Ghione - adattata da Caterina Costantini e Terry D’Alfonso - abbia avuto una sorte tanto fortunata, ottenendo anche un adattamento cinematografico nel 2002 firmato dal regista François Ozon. Di certo il mélange di generi utilizzati, dalla commedia sofisticata a quella musicale, dal noir al giallo classico, colpisce e trascina lo spettatore in un vortice di parole, impressioni, colori, sottigliezze e colpi di scena che non consente mai un attimo di tregua. Le otto donne del titolo, sorelle, figlie, madri, cameriere e governanti, rimangono bloccate dalla neve in una tenuta della campagna francese, quando si accorgono di una serie di misteriose e tragiche circostanze: l’unica figura maschile del gruppo (che non si vede mai) è stata assassinata, i fili del telefono staccati, il cancello bloccato. In un’atmosfera che ricorda le commedie ed i gialli degli anni Cinquanta (ottenuta anche grazie alla ricercatezza ed ai colori sgargianti degli abiti delle protagoniste, alla curata scenografia d’interni dove si svolge l’intera azione, al dialogo scoppiettante e pieno di sottintesi) le otto donne entrano ed escono dalle quinte del palcoscenico, dando vita ad una girandola di battute, rivelazioni, canzoni, segreti, realizzando, al di là dell’apparenza, “il gioco della verità, tanto implacabile quanto meschino, rivelatore delle debolezze, delle menzogne e dei rancori nascosti, che non risparmierà nessuna di loro”. Ciascuna delle otto donne è sospettata di essere l’artefice dell’omicidio ed ognuna sospetta tutte le altre, evidenziando una ben distinta personalità all’interno di una trama arguta e imprevedibile, che prevede attrici di grande talento in grado di cambiare “maschera” quasi in ogni scena. Ed infatti le protagoniste della commedia, dalla prima all’ultima, dalla più esperta alla più giovane, sono tutte splendide, piene di vitalità ed energia, a cominciare dalle mattatrici Caterina Costantini e Sandra Milo (sì proprio lei, nel ruolo della svampita ma furbissima nonna), e poi Anna Maria Ghirardelli, Maria Teresa Pintus, Shelagh Gallivan, Nancy De Lucia, Carlotta Gargiulo e Rossana Colace. Merito anche della sapiente regia di Terry D’Alfonso, delle canzoni originali di Rossana Casale e, più in generale, dell’alchimia vincente di un cast tutto al femminile.

Visto il 28/01/2010 a Roma (RM) Teatro: Ghione

Galleria immagini (clicca sull'immagine per ingrandire)
Premi qui per ingrandire
Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Elisabetta Colla


La recensione di Wanda Castelnuovo

Trattandosi di donne un mistero è veramente poco e in effetti questa simpatica ‘pièce’ è intricata di misteri e nel suo dipanarsi tenta di mettere a nudo attraverso variegate sfumature che vanno dal drammatico all’ironico fino al giocosamente brillante le diverse sfaccettature e sfumature dell’animo femminile così composito che a volte diventa misterioso anche per la stessa donna. Una tranquilla giornata festosa per la gioia di un ritorno a casa in occasione delle feste natalizie e resa magica dalla neve, che ovatta la natura e la stessa villa isolata nella campagna francese, si trasforma in un sorta di incubo che non assume peraltro mai tinte altamente drammatiche, ma conserva una levità data da alcuni intermezzi musicali e sottolineata dalle valide e professionali interpretazioni delle attrici che costituiscono un gruppo ben assortito e soprattutto affiatato. Originale e vivace l’interpretazione di Caterina Costantini nei panni della moglie e brillante quella di Sara Greco - una vera promessa per cui si possono ipotizzare destini brillanti - vivacissima figlia minore capace di tenere in scacco l’intera famiglia. Non sulla scena, ma protagonista invisibile il padrone di casa che in modi diversi è legato alle otto donne: burattinaio egocentrico, una sorta di moderno padre/padrone o vittima incolpevole della bellezza, intelligenza, malignità e pericolosità femminile? Agli spettatori la divertente analisi visto che la temperie naturali e altri strani eventi bloccano in casa le protagoniste che hanno modo di rivelare i loro ‘doppi’ non sempre rispondenti ai canoni della morale tradizionale. Uno spettacolo composto da più generi e più misteri e segreti inconfessabili sotto l’attenta regia di Claudio Insegno, giovane (Roma 1965) regista, che mettendo in scena quest’opera di Robert Thomas (commediografo francese, Gap 1927 - Parigi 1989) invita a riflettere sui retroscena dei vari perbenismi alla ricerca di una semplicità del vivere che forse può dare un’autentica serenità. Teatro San Babila, 19 febbraio 2008
Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Wanda Castelnuovo


La recensione di Claudia Bertozzi

Una villa sperduta nella campagna francese, isolata dalla neve. Una famiglia riunita per trascorrere insieme le festività natalizie. Un brutale omicidio che sconvolge l'apparente armonia della festa. Marcel, il capofamiglia, viene trovato morto nel suo letto, assassinato da una pugnalata alla schiena. L'omicida non può che essere una delle 8 donne che si trovano in casa, e che in qualche modo avevano tutte una relazione con la vittima: Mamy, la suocera; Gaby, la moglie; Augustine, la cognata; Pierrette, la sorella; Louise, la cameriera; Chanel, la governante; Suzon e Catherine, le figlie. Tutte sospettate, tutte potenzialmente colpevoli. Pronte ad accusarsi l'un l'altra, portando a galla moventi insospettabili e inconfessabili segreti. E' Claudio Insegno a firmare la regia di "8 Donne e un mistero", in scena sul palco del teatro Vittoria di Roma dal 9 al 28 Gennaio 2007. Una sfida ambiziosa per un progetto importante: riportare in scena un testo nato per il teatro, ma reso noto al grande pubblico soprattutto dall'ottimo adattamento cinematografico realizzato nel 2002 da François Ozon. Una deliziosa commedia noir tutta al femminile, dall'ambientazione squisitamente vintage, che richiama le dinamiche dell'intreccio giallo alla Agatha Christie fondendole con un sottile meccanismo di indagine psicologica sulle molteplici sfumature della rivalità, del doppio e del non detto. Un cast eterogeneo reinterpreta con eleganza e freschezza - grazie ad una sceneggiatura impeccabile, del tutto fedele al testo originale, e all'ottima performance delle otto protagoniste - un dramma brillante sulle inquietudini e i segreti del quieto vivere borghese, in cui intrighi, menzogne e vizi inconfessabili emergono progressivamente dalla facciata di un perbenismo conformista e amaro, in un crescendo di colpi di scena e di rivelazioni che sfiorano la tragedia familiare. "8 donne e un mistero" si conferma un testo sempre sorprendente e attuale, pienamente sostenuto dal ritmo di caratterizzazioni mai scontate e di dialoghi di un umorismo caustico e travolgente. L'estrema cura della scenografia e dei costumi, in pieno stile fifties, arricchisce e valorizza l'adattamento, racchiudendolo in una confezione preziosa ed elegante, di autentico piacere estetico per il pubblico. Gli intermezzi musicali che si inseriscono nella sceneggiatura - uno per ogni protagonista - sono tutti brani inediti, scritti per questo spettacolo da Rossana Casale. Roma, Teatro Vittoria, dal 9 al 28 Gennaio 2007.
Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Claudia Bertozzi

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

SEGUICI

SPECIALE TURISMO

Check In

LA NEWSLETTER

 

IL CARTELLONE


IN SCENA

Abruzzo
Aquila - AQ Chieti - CH
Pescara - PE Teramo - TE
Basilicata
Matera - MT Potenza - PZ
Calabria
Catanzaro - CZ Cosenza - CZ
Crotone - KR Reggio C. - RC
Vibo Valentia - VV
Campania
Avellino - AV Benevento - BN
Caserta - CE Napoli - NA
Salerno - SA
Emilia Romagna
Bologna - BO Cesena - FC
Ferrara - FE Forlì - FC
Modena - MO Parma - PR
Piacenza - PC Ravenna - RA
Reggio E. - RE Rimini - RN
Friuli Venezia Giulia
Gorizia - GO Pordenone-PN
Trieste - TS Udine - UD
Lazio
Frosinone - FR Latina - LT
Rieti - RI Roma - RM
Viterbo - VT
Liguria
Genova - GE Imperia - IM
La Spezia - SP Savona - SV
Lombardia
Bergamo - BG Brescia - BS
Como - CO Cremona - CR
Lecco - LC Lodi - LO
Mantova - MN Milano - MI
Monza - MB Pavia - PV
Sondrio - SO Varese VA
Marche
Ancona - AN Ascoli - AP
Macerata - MC Pesaro - PU
Urbino - PU
Molise
Campobasso-CB Isernia - IS
Piemonte
Alessandria - AL Asti - AT
Biella - BI Cuneo - CN
Novara - NO Torino - TO
Verbania - VB Vercelli - VC
Puglia
Andria - BAT/BT Bari - BA
Barletta - BAT/BT Brindisi - BR
Foggia - FG Lecce - LC
Taranto - TA Trani - BAT/BT
Sardegna
Carbonia - CI Cagliari - CA
Iglesias - CI Nuoro - NU
Oristano - OR Sassari - SS
Sicilia
Agrigento - AG Caltanissetta-CL
Catania - CT Enna - EN
Messina - ME Palermo - PA
Ragusa - RG Siracusa - SR
Trapani - TP
Toscana
Arezzo - AR Carrara - MS
Firenze - FI Grosseto - GR
Livorno - LI Lucca - LU
Massa - MS Pisa - PI
Pistoia - PT Prato - PO
Siena - SI
Trentino Alto Adige
Bolzano - BZ Trento - TN
Umbria
Perugia - PG Terni - TR
Valle D'Aosta
Aosta - AO
Veneto
Belluno - BL Padova - PD
Rovigo - RO Treviso - TV
Venezia - VE Verona - VR
Vicenza - VC
ESTERO
Croazia Francia
San Marino Svizzera


HOME    Login    Chi siamo    I Redattori    Dalla Redazione    Dicono di Noi    Privacy    Contattaci    Preferiti    Imposta come Homepage - © 2003-2014 Teatro.Org
Testata giornalistica registrata al ROC il 30 agosto 2006 - n. 14662 e presso il Tribunale di Milano il 30 maggio 2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled