LoginIscrivitiSegnala uno Spettacolo • Anno 8 - Numero 17  
Guarda le repliche di questo spettacolo!
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
ROMÉO ET JULIETTE

I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: charles gounod
Regia: grinda, direttore fabio luisi
Genere: opera
Compagnia/Produzione: fondazione teatro carlo felice
Cast: andrea bocelli/josè bros, alessandra marianelli, orchestra e coro del teatro carlo felice di genova

Descrizione
nuovo allestimento del teatro carlo felice in coproduzione con l'opéra di monte-carlo
Date repliche a cura di
Francesco Rapaccioni
Scheda spettacolo a cura di
Francesco Rapaccioni

LA LOCATION

CARLO FELICE
Passo al Teatro 4 - Genova (GE)
Tel: 010 53811
Fax: 010 5381363
Email: webmaster@carlofelice.it; info@carlofelice.it Sito Web: www.carlofelice.it


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 24/02/2012 al: 04/03/2012)

LE RECENSIONI


La recensione di Ilaria Bellini

DA GENOVA A NEW YORK (E RITORNO)

“Roméo et Juliette” è legata all’Italia, Gounod  vi mise mano quando risiedeva a Roma e iniziò dapprima a comporla sul libretto italiano di Felice Romani (già utilizzato da Vincenzo Bellini per i Capuleti e Montecchi) per poi affidare ai suoi fidati collaboratori Barbier e Carré la versione francese definitiva destinata al Théatre Lyrique di Parigi. E le suggestioni italiane e l’Italia vista con l’occhio del francese dell’Ottocento sono la chiave di lettura della produzione ora in scena al Carlo Felice nell’allestimento firmato per l’Opéra di Montecarlo dal suo direttore artistico Louis Grinda con  scene di Eric Chevalier.

Si tratta di una produzione curata dal punto di vista visivo che rimanda alla pittura di fine Ottocento, fa largo uso di “tableaux vivants” e, se pur non abbia un’impostazione registica forte, funziona per dare pieno risalto alla musica incantatoria di Gounod, favorendo la continuità del discorso narrativo. 
All’inizio, sul velatino di proscenio è riportata l’immagine di  una coppia che si scambia un bacio, citazione del famoso dipinto di Hayez e immagine archetipa degli amanti di Verona; oltre il velo si scorge la scena dalle stilizzate architetture romaniche che si anima di comparse inizialmente in dissolvenza per poi accendersi di colore e materia (merito dei curatissimi costumi tardomedievali di Carola Volles).
La vicenda è ambientata in esterni e, se pur solo accennata, Verona appare riconoscibile nei loggiati con le bifore, gli edifici religiosi di mattoni, i palazzi merlati della Piazza dei Signori. Un grande praticabile mostra una piazza inclinata a valva di conchiglia stilizzata,dove bianche fasce marmoree definiscono spicchi sulla pavimentazione in cotto e nel suo ruotare diventa lo spalto di un bastione che accenna il giardino di Giulietta oltre cui si vede un profilo collinare orlato di cipressi.
Le scenografie essenziali coadiuvate dalle luci perfette ( e molto pittoriche) di Roberto Venturi hanno valore evocativo  e gli sfondi brumosi dei fondali dipinti si prestano a inquadrare, isolandoli in un’atmosfera elegiaca e sospesa, i quattro duetti d’amore con i due innamorati avvolti da una luce calda e dove l’alcova è un telo bianco calato dall’alto che ricrea col suo drappeggio un letto sulla piazza di mattoni illuminando col suo candore il tenero amore della coppia.
Il movimento scenico è convenzionale, baci, abbracci, sguainar di spade, ma curato e credibile, e l’allestimento ha il pregio di essere romantico e delicato senza scadere nel kitsch.

Motivo d’eccellenza la presenza sul podio di Fabio Luisi, guest conductor del Met e da poco direttore onorario del Carlo Felice, in cui sono riposte molte speranze per la rinascita artistica del teatro. E si percepisce subito la differenza: il direttore genovese sa ottenere il meglio dalla compagine orchestrale e consegue un perfetto accordo fra buca e palcoscenico. La progressione drammatica e l’evoluzione psicologica dei due protagonisti sono marcate da una tensione in crescendo, ma sempre calibrata e di assoluta precisione. Vitalità ritmica e pathos sottolineano l’arco narrativo senza scivolare nel sentimentalismo, ma la componente elegiaca è comunque garantita dalla cura di uno strumentale prodigo di sfumature e colori. Ottima anche la prova del coro preparato da Marco Balderi, soprattutto nel commovente “Jour de deuil”.

La produzione aveva fra gli elementi di richiamo per il grande pubblico la partecipazione di Andrea Bocelli  nel ruolo protagonista, alla recita a cui abbiamo assistito il ruolo di Romeo è stato sostenuto da José Bros. Il cantante spagnolo ha convinto, oltre che per le naturali doti timbriche, per la linea vocale curata, la buona dizione e una sicurezza vocale che  ha consentito di differenziare i diversi toni  e risolvere con gusto le pagine più  spinte.
La giovanissima Alessandra Marianelli è assolutamente credibile nelle vesti di una quindicenne e risulta una Juliette incantevole per la grazia del portamento, l’ovale del bel viso incorniciato da lunghi capelli biondi, la delicatezza dei lineamenti. La voce è ancora molto leggera e il ruolo vorrebbe talvolta suoni più sostenuti, ma è omogenea ed emana una freschezza di accento che rende il personaggio spontaneo e non manierato.
Nei ruoli minori un plauso ad Annalisa Stroppa, paggio  ironico dal canto curato che dona alla chanson di Stéphano leggerezza brillante; bene anche la temperamentosa Gertrude di Kamelia Kader. Alessandro Luongo è  un Mercutio irruento di solida vocalità; non sempre a fuoco il Tybalt di Blagoj Nacoski. Il Frère Laurent di John Paul Huckle non ha l’intensità richiesta dal ruolo, apprezzabile invece il Capulet di Valdis Jansons. Concludono adeguatamente  il cast  Manuel Pierattelli  (Benvolio), Franco Sala (Paris), Biagio Pizzuti (Grégorio) e Fabrizio Beggi (il Duca).

Calorosi applausi per tutti, merito di uno spettacolo di livello che ridona autorevolezza al teatro.

Visto il 04.3.12 a genova (ge) Teatro: carlo felice

Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Ilaria Bellini

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

SEGUICI

SPECIALE TURISMO

Check In

LA NEWSLETTER

 

IL CARTELLONE


IN SCENA

Abruzzo
Aquila - AQ Chieti - CH
Pescara - PE Teramo - TE
Basilicata
Matera - MT Potenza - PZ
Calabria
Catanzaro - CZ Cosenza - CZ
Crotone - KR Reggio C. - RC
Vibo Valentia - VV
Campania
Avellino - AV Benevento - BN
Caserta - CE Napoli - NA
Salerno - SA
Emilia Romagna
Bologna - BO Cesena - FC
Ferrara - FE Forlì - FC
Modena - MO Parma - PR
Piacenza - PC Ravenna - RA
Reggio E. - RE Rimini - RN
Friuli Venezia Giulia
Gorizia - GO Pordenone-PN
Trieste - TS Udine - UD
Lazio
Frosinone - FR Latina - LT
Rieti - RI Roma - RM
Viterbo - VT
Liguria
Genova - GE Imperia - IM
La Spezia - SP Savona - SV
Lombardia
Bergamo - BG Brescia - BS
Como - CO Cremona - CR
Lecco - LC Lodi - LO
Mantova - MN Milano - MI
Monza - MB Pavia - PV
Sondrio - SO Varese VA
Marche
Ancona - AN Ascoli - AP
Macerata - MC Pesaro - PU
Urbino - PU
Molise
Campobasso-CB Isernia - IS
Piemonte
Alessandria - AL Asti - AT
Biella - BI Cuneo - CN
Novara - NO Torino - TO
Verbania - VB Vercelli - VC
Puglia
Andria - BAT/BT Bari - BA
Barletta - BAT/BT Brindisi - BR
Foggia - FG Lecce - LC
Taranto - TA Trani - BAT/BT
Sardegna
Carbonia - CI Cagliari - CA
Iglesias - CI Nuoro - NU
Oristano - OR Sassari - SS
Sicilia
Agrigento - AG Caltanissetta-CL
Catania - CT Enna - EN
Messina - ME Palermo - PA
Ragusa - RG Siracusa - SR
Trapani - TP
Toscana
Arezzo - AR Carrara - MS
Firenze - FI Grosseto - GR
Livorno - LI Lucca - LU
Massa - MS Pisa - PI
Pistoia - PT Prato - PO
Siena - SI
Trentino Alto Adige
Bolzano - BZ Trento - TN
Umbria
Perugia - PG Terni - TR
Valle D'Aosta
Aosta - AO
Veneto
Belluno - BL Padova - PD
Rovigo - RO Treviso - TV
Venezia - VE Verona - VR
Vicenza - VC
ESTERO
Croazia Francia
San Marino Svizzera


HOME    Login    Chi siamo    I Redattori    Dalla Redazione    Dicono di Noi    Privacy    Contattaci    Preferiti    Imposta come Homepage - © 2003-2014 Teatro.Org
Testata giornalistica registrata al ROC il 30 agosto 2006 - n. 14662 e presso il Tribunale di Milano il 30 maggio 2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled