LoginIscrivitiSegnala uno Spettacolo • Anno 8 - Numero 17  
Guarda le repliche di questo spettacolo!
Commenta lo spettacolo! Leggi le recensioni dei Redattori!
PICCOLI CRIMINI CONIUGALI
Piccoli crimini coniugali

I Commenti

I Commenti degli Utenti

Questo spettacolo non ha ancora commenti.
Sai che puoi inserirne uno?
Per farlo clicca su Commenta lo Spettacolo!

Inoltre, puoi dargli un voto cliccando il pulsante Vota questo Spettacolo
qui in alto e puoi ricevere un promemoria via e-mail quando inizieranno le repliche, con il servizio Show Alert.

LO SPETTACOLO

Autore: Eric-Emmanuel Schmitt
Regia: Alessandro Maggi
Genere: commedia
Compagnia/Produzione: Teatro Stabile di Verona
Cast: Elena Giusti, Paolo Valerio

Date repliche a cura di
beatrice capelli
Scheda spettacolo a cura di
beatrice capelli

LA LOCATION

ACCADEMIA
p.zza Cima 5 - Conegliano (TV)
Tel: 0438 22880


LE REPLICHE Posizionati sulla data per conoscere orario e prezzo max

Repliche passate (dal 24/02/2012 al: 24/02/2012)

LE RECENSIONI


La recensione di Valentina Scocca

UN'OCCASIONE SPRECATA

“A vent’anni si vorrebbe che l’amore fosse semplice. A quaranta si scopre che è complicato. A sessanta sappiamo che è bello proprio perché è complicato” afferma Eric-Emmanuel Schmitt, autore teatrale e scrittore francese, i cui lavori sono tra i più tradotti e rappresentati sui palcoscenici europei.

“Piccoli crimini coniugali” è una brillante e caustica commedia nera, caratterizzata da
suspense, ironia, momenti di divertimento e tensione - a tratti drammaticamente comico, è una saggia riflessione sulla madre di tutte le guerre: quella coniugale.
Schmitt sostiene che la coppia è come un’associazione di assassini. La vita coniugale è una guerra, dove tutto è permesso. La vita coniugale è un’associazione di killer che si accaniscono sugli altri prima di infierire su loro stessi, un lungo cammino verso la morte che lascia la strada costellata di cadaveri. Quando la coppia è giovane è una coppia che cerca di sbarazzarsi degli altri. Quando la coppia invecchia diventa una coppia dove ognuno cerca di sopprimere i partner: “Quando vedete un uomo e una donna davanti al sindaco o al prete, chiedetevi chi dei due sarà l’assassino.”

La storia ruota attorno a Gilles&Lisa: Gilles torna a casa dall’ospedale, dopo aver subito un brutto incidente domestico, ma non si ricorda nulla, è affetto da un’amnesia, è in possesso delle sue facoltà mentali ed intellettive, ma non ricorda la sua vita, chi è, non riconosce più neppure la moglie Lisa.
Lisa cerca di aiutare Gilles a ricordare, ricostruendo la loro vita di coppia frammento dopo frammento, cercando di tralasciare momenti oscuri e difficili del loro passato, ma riportando comunque alla luce informazioni ormai dimenticate che cominciano a incrinarne il rapporto. Un thriller coniugale, un enigma da risolvere, in cui la verità non è mai ciò che sembra, una macchina narrativa perfetta che svela impietosamente i meccanismi e le idiosincrasie della coppia e i più intimi recessi dell'animo umano.

Purtroppo nonostante un testo brillante, intelligente, ironico e originale, lo spettacolo non convince.  Paolo Valerio e Elena Giusti, i due interpreti sono poco incisivi, la loro recitazione è piatta e a tratti troppo artefatta, non è autentica e le battute risultano troppo recitate e non interpretate. Schmitt costruisce i dialoghi minuziosamente, le battute sono incalzanti e il ritmo serrato, purtroppo in scena queste caratteristiche spesso si perdevano, a discapito della narrazione scenica, che risultava appannata e non avvinceva.

Essenziali ed efficaci le scene e i costumi di Marta Crisolini Malatesta: il salotto sapientemente arredato è caratterizzato da uno stile minimal, ma funzionale al racconto, spiccano i quadri grigi appesi alle pareti dentro enormi cornici d'acciaio rappresentano visivamente la difficoltà di comprendersi dei due protagonisti.

Il regista Alessandro Maggi lascia che le parole di Schmitt si muovano libere, affidandosi – purtroppo - esclusivamente alla prova dei due attori in scena, Paolo Valerio ed Elena Giusti. Ciò che manca a questo spettacolo è una visione registica ben precisa e manca una verità, quella su cui dovrebbe imbastirsi la struttura dei dialoghi. Paolo Valerio ed Elena Giusti, nonostante si impegnino, non riescono a essere convincenti, né naturali in scena, sono troppo artificiosi, troppo preoccupati a far bene, ottenendo, però, il risultato opposto. Ritengo che “Piccoli crimini coniugali” sia un’occasione sprecata, che peccato.
 

 

Visto il 20/12/2012 a Bologna (BO) Teatro: Arena del Sole - Sala InterAction

Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Valentina Scocca


La recensione di Daniela Abbruzzese

"Ti amo e allora muoio"

Il libro di Eric- Emmanuel Schmitt diventa teatro, e approda al Bellini di Napoli con lo spettacolo Piccoli crimini coniugali per la regia di Alessandro Maggi e con la partecipazione di due giovani protagonisti: Paolo Valerio ed Elena Giusti. Attori talentuosi costretti a confrontarsi con un testo onirico, una storia stramba ai limiti della realtà. I due si confrontano sulla scena con capacità, ma la resa di questo confronto è alquanto complicata. Ne viene fuori un dialogo macchinoso, a tratti statico.

L’attenzione però è sempre viva grazie al testo attivo ed energico; la curiosità di scoprire i misteri di un vero e proprio giallo coniugale tiene lo spettatore vispo e concentrato; la percezione che si ha è di una coppia teatrale poco rodata, che si confronta con talento ma senza particolare sintonia.

La visione dell’amore nel testo di Schmitt è alquanto singolare, tutt’altro che romantico. E’ una storia d’amore che profuma di tragedia, un folle affetto che muta in disprezzo. Un confronto pungente, carico di odio ma pieno d’amore. Si percepisce il matrimonio come un incubo, una gabbia impercettibile da cui non si può scappare, o forse si, nelle maniere meno consuete.
Si fugge dal matrimonio con la menzogna, costruendo a gran fatica un modo che non appartiene  alla coppia, nascondendo con finte gioie le voragini di dolore che la stessa coppia sa di vivere ma cerca di scongiurare.
E così, in questa visione distorta dell’amore, nasce la storia di Gilles e Lisa, nella commedia Lui e Lei, innamorati e sposati da 15 anni, alle prese con i loro folli problemi coniugali. Il loro amore è malato, rasenta la pazzia, ma è incredibilmente intenso.

“Ti amo e allora muoio”, frase-guida dello spettacolo, che svela a tutti gli effetti il vero significato di un folle ma grande amore.

Visto il 20/03/2012 a Napoli (NA) Teatro: Bellini

Leggi le altre recensioni dello stesso autore
Voto: Voto del Redattore: Daniela Abbruzzese

Per saperne di più su Show Alert, clicca qui.

SEGUICI

SPECIALE TURISMO

Check In

LA NEWSLETTER

 

IL CARTELLONE


IN SCENA

Abruzzo
Aquila - AQ Chieti - CH
Pescara - PE Teramo - TE
Basilicata
Matera - MT Potenza - PZ
Calabria
Catanzaro - CZ Cosenza - CZ
Crotone - KR Reggio C. - RC
Vibo Valentia - VV
Campania
Avellino - AV Benevento - BN
Caserta - CE Napoli - NA
Salerno - SA
Emilia Romagna
Bologna - BO Cesena - FC
Ferrara - FE Forlì - FC
Modena - MO Parma - PR
Piacenza - PC Ravenna - RA
Reggio E. - RE Rimini - RN
Friuli Venezia Giulia
Gorizia - GO Pordenone-PN
Trieste - TS Udine - UD
Lazio
Frosinone - FR Latina - LT
Rieti - RI Roma - RM
Viterbo - VT
Liguria
Genova - GE Imperia - IM
La Spezia - SP Savona - SV
Lombardia
Bergamo - BG Brescia - BS
Como - CO Cremona - CR
Lecco - LC Lodi - LO
Mantova - MN Milano - MI
Monza - MB Pavia - PV
Sondrio - SO Varese VA
Marche
Ancona - AN Ascoli - AP
Macerata - MC Pesaro - PU
Urbino - PU
Molise
Campobasso-CB Isernia - IS
Piemonte
Alessandria - AL Asti - AT
Biella - BI Cuneo - CN
Novara - NO Torino - TO
Verbania - VB Vercelli - VC
Puglia
Andria - BAT/BT Bari - BA
Barletta - BAT/BT Brindisi - BR
Foggia - FG Lecce - LC
Taranto - TA Trani - BAT/BT
Sardegna
Carbonia - CI Cagliari - CA
Iglesias - CI Nuoro - NU
Oristano - OR Sassari - SS
Sicilia
Agrigento - AG Caltanissetta-CL
Catania - CT Enna - EN
Messina - ME Palermo - PA
Ragusa - RG Siracusa - SR
Trapani - TP
Toscana
Arezzo - AR Carrara - MS
Firenze - FI Grosseto - GR
Livorno - LI Lucca - LU
Massa - MS Pisa - PI
Pistoia - PT Prato - PO
Siena - SI
Trentino Alto Adige
Bolzano - BZ Trento - TN
Umbria
Perugia - PG Terni - TR
Valle D'Aosta
Aosta - AO
Veneto
Belluno - BL Padova - PD
Rovigo - RO Treviso - TV
Venezia - VE Verona - VR
Vicenza - VC
ESTERO
Croazia Francia
San Marino Svizzera


HOME    Login    Chi siamo    I Redattori    Dalla Redazione    Dicono di Noi    Privacy    Contattaci    Preferiti    Imposta come Homepage - © 2003-2014 Teatro.Org
Testata giornalistica registrata al ROC il 30 agosto 2006 - n. 14662 e presso il Tribunale di Milano il 30 maggio 2008 - n. 342 - Direttore Responsabile Fabienne Agliardi This website is ACAP-enabled